Istituto di Istruzione Superiore G.Marconi

Istituto di Istruzione Superiore G.Marconi

L'Istituto si trova a Civitavecchia  (Roma)  in Via Ciro Corradetti n.2. Tel. 06-121124375  0766-20325 Fax 0766-22708
Tecnici e Licei

Tecnici e Licei

Liceo scientifico indirizzo sportivo - Liceo Scientifico opz. sc. applicate - Tecnico Tecnologico: Elettrotecnica Elettronica Informatica Meccanica
1 2 3 4

La Shoah

“WE CARE! COSI’ GLI STUDENTI DEL MARCONI RICORDANO LA SHOAH”

memoria

Potrà sembrare strano o suonare alquanto stonato, in un giorno come questo, il 27 gennaio 2018, in cui in tutto il mondo si ricorda la Shoah, ovvero “la catastrofe”orrenda ,abbattutasi sugli Ebrei nell’Europa nazista. Eppure così gli studenti del Marconi hanno deciso di “fare memoria”: al dolore della parola “Shoah” hanno affiancato, contrapposto la forza vitale di poche lettere: We care! .

Vedi le presentazioni:  Il rumore sordo della memoria   We care

Vedi i video: Il rumore sordo della memoria     We care

Evidente il richiamo a don Milani, a cui la nostra scuola è molto legata. Tre anni di lavori di educazione alla Cittadinanza incentrati sulla figura del Priore di Barbiana. Poi, la possibilità , il 5 giugno ,presso il Ministero dell’Istruzione, di trasmettere e condividere con tutte le scuole italiane la forza del suo messaggio: I care , io mi prendo cura di te. Messaggio tradotto dai nostri alunni con ”Io tornerò indietro”, da chi è solo, dimenticato, considerato indegno della scuola. Indegno della società.

“Buongiorno, siamo gli alunni della classe IV b liceo scienze applicate del Marconi.

Anche quest’anno desideriamo contribuire alla commemorazione della Giornata della Memoria con un lavoro incentrato sulle leggi razziali emanate nel ’38 in Italia.”

Così inizia la presentazione del lavoro, prodotto dalla sua classe, l’alunna Leahu Denisa. Ci troviamo presso l’Aula Pucci , l’aula consiliare del Comune di Civitavecchia. Un’aula, oggi, stracolma di giovani, la maggior parte dei quali appartenenti alle scuole di istruzione di secondo grado: istituti tecnici, professionali, licei. A presiedere vi è il dott .Moscati, che oramai da anni è solito offrire la sua testimonianza alla nostra città e soprattutto ad offrire la sua disponibilità a dialogare con i giovani.

Questo è il terzo anno che i ragazzi del Marconi partecipano attivamente alla commemorazione del Giorno della Memoria. Due anni fa fu presentato un video sul processo di Norimberga, e i ragazzi furono premiati dal Presidente della Repubblica, trattandosi di un concorso nazionale. L’anno scorso hanno studiato e riflettuto sul Negazionismo, producendo un video, intitolato “Il rumore sordo della Memoria”. Quest’anno, invece, si sono soffermati sulle leggi razziali del ’38, in Italia.

La domanda che li ha guidati sin dall’inizio è stata in che modo questo avvenimento possa ancora oggi considerarsi attuale, non solo una pagina di storia da studiare, ma una pagina della Memoria da far rivivere nelle nostre coscienze. Cosa dicono le leggi razziali del ’38 in Italia a noi, oggi , giovani studenti del 2018?

Continua Denisa:

“Da pochi mesi erano state proclamate le leggi razziali, e stavo diventando un isolato anch’io. I compagni cristiani erano gente civile, nessuno fra loro né fra i professori mi aveva indirizzato una parola o un gesto nemico, ma li sentivo allontanarsi, e, seguendo un comportamento antico, anch’io me ne allontanavo: ogni sguardo scambiato fra me e loro era accompagnato da un lampo minuscolo, ma percettibile, di diffidenza e di sospetto. Che pensi tu di me? Che cosa sono io per te? Lo stesso di sei mesi addietro»”

(Primo Levi, Ferro da Il sistema periodico)

Il video tratta dell’esperienza-incubo, vissuta da un insegnante italiano ebreo nella sua (e anche nostra) stessa scuola, oggi, nel 2017. All’improvviso, si trova a ri-vivere alcuni momenti drammatici di quella che fu la tragedia della sua famiglia d’origine, all’indomani dell’emanazione delle leggi razziali in Italia. In particolare, la tragedia dell’indifferenza vergognosa di molti Italiani verso gli Ebrei Italiani, fino ad allora nostri compagni di classe, amici, colleghi a scuola o all’Università, vicini di casa.

Tuttavia, egli , alla fine, ritrova la forza di lottare contro la tentazione di sentirsi impotenti di fronte alla violenza, con cui spesso, oggi, soprattutto i giovani calpestano la Memoria del passato,

e in particolare la Memoria della Shoah.

Egli ritrova la forza di insegnare proprio nei suoi stessi alunni, i quali sono riusciti a rielaborare quanto appreso dalla lettura di due opere apparentemente tanto lontane e diverse ma profondamente vicine come

“Lettera ad una professoressa” di don Milani e “Il sistema periodico”di Primo Levi .

WE CARE è dunque il titolo del video, vale a dire“noi vogliamo prenderci cura, ci sta a cuore”

facendo riferimento a quella pagina del Priore di Barbiana, in cui si legge:

“Ognuno deve sentirsi responsabile di tutto.

Su una parete della nostra scuola c’era scritto grande:

I care,

mi sta a cuore,

l’esatto contrario del

                                                                       Me ne frego fascista”.

Mentre lavoravamo in classe, leggendo “Il sistema periodico” di Primo Levi

e quanto egli dice a proposito del Carbonio, abbiamo poi pensato che Il verbo inglese “care”, usato da don Milani, potevamo ritrascriverlo ponendo come lettera iniziale la“C” del Carbonio:

E’ in questo elemento ,infatti, che Primo Levi vede compendiata tutta la storia dell’uomo, che paradossalmente inizia proprio così, non con l’Argon , gas nobile, ma col Carbonio,

                     “un rimasuglio, una impurezza, eppure la materia prima della vita”

tutti coloro che noi, in nome della razza pura, abbiamo osato-e ancora oggi osiamo- disprezzare e addirittura voluto eliminare -come in modo agghiacciante nella Shoah-, rappresentano, invece, la materia prima dell’universo.

Tutte le vittime innocenti degli stermini in Armenia, nei Gulag sovietici, in Ucraina, in Cambogia, Cina, i migliaia di desaparecidos argentini, cileni, peruviani, le vittime innocenti di guerre civili assurde in Africa, in Ruanda, Congo, e poi nella ex-Jugoslavia a Srebrenika, e oggi in Siria, Afghanistan…

Tutti questi esseri umani, eliminati dalla faccia della terra perché considerati diversi, rimasugli, impurezze umane ,costituiscono la materia prima della vita.

Con questo video, desideriamo affermare che l’unica forza che può rendere eterna la Memoria della Shoah è sì ricordare e studiare l’Abisso del male che l’uomo ha saputo creare orrendamente, ma è anche combattere ogni giorno contro tutti i “Me ne frego” di ogni tempo e di ogni luogo, sapendo fare nostre due semplici parole: I care, We care.

Magari a partire proprio da oggi, da questo momento, scrivendo ciascuno di noi, che ora siamo qui presenti, nel nostro cuore, quanto recita il Talmùd:

chi salva una vita,

salva il mondo intero.

Read 204 times

Progetti

mediazione4
Progetto attivo dal 2016/17. A partire dal 13 ...
mister bean3
Vedi le numerose iniziative di potenziamento ...
Tutti al muro2
Le attività dell'anno scolastico 2015 2016 ...
sportello dascolto 2
Progetto: ”Sportello di ascolto”Progetto ...
reti
  Attraverso la costituzione di reti e ...
salute
Progetto annuale di promozione alla salute ...
storia2
Progetto annuale di approfondimento di tematiche ...
equo sostenibile
Progetto annuale di educazione alla cittadinanza ...
VOLONTARIATO2
Il Progetto è attivo da due anni tuttavia ...
lattine 2
Progetto annuale di educazione ambientaleAmbito ...
Progetto Grand Tour Icona
Progetto attivo dal 2014/15Progetto volto alla ...
twitterletteratura
Progetto annuale di valorizzazione e ...
avis
Progetto in collaborazione con l’AVIS ...
tamburiiiiiiii 145x145
Ogni anno, all'inizio della primavera, il ...
Tamburi 2017
L’Istituto Marconi al Campidoglio per Tamburi per ...

Docenti del Marconi - DSGA

Contatti

Via Ciro Corradetti 2  00053 Civitavecchia (RM)  Distretto n. 29   C.F. 91069300589  

Tel. 06-121124375      Fax 0766/22708  

IBAN   IT14H0760103200001021821358

Posta certificata         rmis112007@pec.istruzione.it

Segreteria Scuola       rmis112007@istruzione.it (per tutti gli utenti)

Dirigente Scolastico   nicola.guzzone@istruzione.it (solo per il personale scolastico interno)

Redazione  sito            iisredazione@iismarconicivitavecchia.gov.it (solo per articoli sul sito)

Top